Pubblicizza gratuitamente la tua attività diventando un esperto!    Gruppo fb "Coltivare gli orti di Planet Hortus"

Progettare un orto

 1. INTRODUZIONE

Progettare ed organizzare un appezzamento di terreno è essenziale per chi si cimenta per la prima volta nella realizzazione di un orto familiare. È essenziale capire quanto terreno abbiamo a disposizione ricordandoci che bastano davvero pochissimi metri quadrati per poter avere giornalmente ortaggi freschi. Naturalmente se si hanno a disposizione pochi metri quadrati, è impensabile avere alcuni alberi da frutto e collocare alcuni animali domestici (quali galline, oche, faraone, conigli, ect..), ma è altrettanto importante pensare di progettare un orto familiare, cosi da avere durante tutte le 4 stagioni ortaggi freschi.

2. LINEE GUIDA
Una volta stabilità la quantità di terreno a disposizione, bisognerà decidere quali ortaggi e verdure coltivare all’interno del nostro appezzamento, ricordandoci che ognuno di essi si coltiva in determinate stagioni. Bisognerà redigere un vero e proprio calendario di lavoro con le relative colture, epoca di semina o di trapianto e possibile periodo di raccolta. Inoltre specialmente durante la stagione primaverile ed estiva il nostro appezzamento necessiterà di acqua ed è per questo che prima di tutto è essenziale constare se abbiamo a disposizione, un pozzo/una sorgente/un recipiente, da dove attingerla (vedi scheda acqua).
Una volta messi al corrente della quantità di terreno a disposizione, delle colture che vogliamo impiantare e se è possibile attingere a dell’acqua, possiamo iniziare a suddividerci il nostro appezzamento e ciò è possibile farlo suddividendolo in parcelle che possono avere le dimensione
minime di 2 x 2 fino alle dimensioni che si ritenete opportune e quindi avere per esempio, un parcella dedicata alle aromatiche, una parcella dedicata agli ortaggi, una parcella dedicata alle leguminose, una parcella dedicata ad ortaggi a radice etc..
La suddivisione in parcelle è utilissima per semplificare la gestione dell’appezzamento e di conseguenza del suolo e quindi applicare le rotazioni, consociazioni adeguate e schematizzare la produzione, tutto per far si di non perdere la fertilità del suolo (vedi scheda lavorazioni) e agevolare il nostro lavoro.
Di seguito sono elencate alcune colture che possono essere seminate/trapiantate seguendo la stagionalità delle colture stesse.

3. LE STAGIONI

- PRIMAVERA:

Con la primavera si da inizio alla programmazione e realizzazione del nostro lavoro per la terra
È possibile seminare e/o trapiantare in questo periodo:
- Cipolle
- Carote
- Verdure quali Spinaci, bietole, lattughe, ect..
- Piselli
- Ravanelli
- Fave
- Aromatiche quali prezzemolo, maggiorana, salvia, timo, menta, rosmarino, sedano, ect..

Durante l’inizio della primavera è necessario proteggere le nostre colture dal rischio di gelate tardive. Verso la metà e la fine della primavera possiamo seminare e/o trapiantare diverse colture estive tra cui:

- Melanzane
- Cetrioli
- Meloni
- Fagioli
- Pomodori
- Zucchine
- Mais
- Sedano rapa
- Patate precoci
- Insalate

- ESTATE:

Durante l’inizio e fino alla metà avanzata dell’estate il lavoro non mancherà all’interno del nostro appezzamento (orto). Le principali operazioni saranno irrigare, diradare, eliminare le erbe infestanti fino a chè potremmo raccogliere i frutti fino alla fine dell’estate. Arrivati a questo punto,
non bisognerà fermarsi perché nello stesso periodo si dovrà già pensare ad organizzare il nostro appezzamento in vista dell’autunno e quindi decidere quali colture inserire.

Le possibili colture saranno:

- Cavoli quali cavolo rapa, cavolo verza, cavolo cappuccio
- Insalate
- Ravanelli
- Rape
- Verdure quali bietole, cicorie, indivie, spinaci
- Cavolfiori
- Porri

- AUTUNNO:

Durante l’autunno si procederà alla raccolta delle colture precedentemente messe in campo e si potrà optare se seminare alcune varietà di cavoli, cavolfiori invernali o tenere il nostro appezzamento a riposo.

Possibili colture:

- Cavoli
- Cavolfiori
- Insalate
- Topinambur

- INVERNO:

Durante l’inverno il lavoro all’interno del nostro appezzamento è notevolmente ridotto e non rimane altro che raccogliere le ultime colture impiantate in autunno.

 Per tutti i tipi di lavorazione pre e post raccolta e per sapere come coltivare le colture, vedi schede delle colture ortive.

 

 SE TI REGISTRERAI (DAL LOGIN), POTRAI SCARICARE GRATUITAMENTE QUESTA SCHEDA IN FORMATO PDF!

LE SCHEDE IN FORMATO PDF POSSONO CONTENERE PIU’ INFORMAZIONI RISPETTO LE STESSE ON-LINE

Trasformazione Prodotti

ico1

Alberi da Frutto

ico1

Piante da Orto

ico1

Gestione Suolo

ico1

Animali Domestici

ico1