Pubblicizza gratuitamente la tua attività diventando un esperto!    Gruppo fb "Coltivare gli orti di Planet Hortus"

Allevamento api e produzione miele

 1. INTRODUZIONE
  Lo scopo di questa scheda tecnica è quella di fornire le prime basilari informazioni a coloro i quali desiderano intraprendere un’attività di allevamento di api e produzione di miele.

2. PROCESSO DI TRASFORMAZIONE

  Per iniziare una piccola attività di produzione del miele è necessario dotarsi di alcuni fondamentali attrezzi. Questi sono:
Un affumicatore: è forse l’attrezzo più importante poiché il fumo fa si che le api si tranquillizzino;
Una tuta da apicoltore: si trovano in commercio solo di colori chiari quali giallo e bianco: questo accorgimento non è fatto a caso. Le api si tranquillizzano in presenza di colori chiari. Insieme alla tuta è necessario disporre di una maschera da apicoltore: questa è fondamentale per la protezione del viso;
I guanti da apicoltore;
Una leva per poter aprire le arnie.
• Le api, si possono acquistare presso un apicoltore della zona. Consigliamo di acquistare una famiglia già formata e in produzione, perché più semplice da gestire, anche se più costosa. Inoltre è importante prediligere apicoltori di zona per via delle malattie dell’alveare. Prima di pensare di acquistare le api, si dovrebbe avere già tutto il resto dell’attrezzatura, soprattutto l’arnia. Normalmente bisogna prenotare la famiglia da tempo prima, perché l’apicoltore deve avere il tempo necessario per prepararsi alla vendita.

attrezzi

Il miele è un prodotto ottenuto dalla lavorazione di alcune sostanze zuccherine da parte delle api. Fra queste sostanze zuccherine si ricorda il nettare: questo è un liquido zuccherino prodotto dai fiori delle piante per attirare gli animali impollinatori, che servono per la riproduzione dei fiori stessi. In genere il nettare è presente sui fiori delle piante, ma talvolta è localizzato in altre parti della pianta non riproduttive. I nettari hanno composizioni chimiche diverse in base all’origine botanica dei fiori, e conseguentemente anche i rispettivi mieli ottenuti avranno sapori diversi (miele di lavanda, di asfodelo, di eucalipto, corbezzolo, etc..). Dopo aver bottinato il nettare, le api tornano nel loro alveare per iniziare il processo di trasformazione in miele. Tralasciando ciò che avviene in natura (dove l’alveare è talvolta ricavato dalle api all’interno di tronchi, rocce, etc..), nell’apicoltura moderna, la casa delle api è costituito dall’arnia con melario, qui di seguito indicati.

 arnia con melario

                                                                                                                                 Arnia con melario

 melaio vuoto                                                                                                                 Melario vuoto per telaini da smielare

 Le api raccolgono il nettare presente nei fiori dell’ambiente circostante e lo trasportano fino all’interno dell’alveare. Le api quando escono dall’alveare seguono dei veri e propri corridoi di volo, precedentemente mappati dalle prime api bottinatrici. Devono essere posizionate in modo tale che l’entrata non sia sottoposta a folate di vento che potrebbero disturbare il volo delle api, ed in direzione del sorgere del sole, così che inizino l’attività alle prime luci del sole. E’ consigliabile non posizionare l’apiario in luoghi umidi e troppo ombreggiati.

 api

 Anche se le api possono volare per più di 3 km per andare a raccogliere il nettare, è comunque opportuno posizionare le arnie in vicinanza delle specie nettarifere. Una volta arrivata all'alveare l'ape bottinatrice consegna il nettare ad un’altra ape più giovane che a sua volta lo passa ad un’altra ape e così fino a che non arriva in una cella dei telaini costruiti in precedenza all’interno dell’alveare. Il processo di scambio del nettare da ape ad ape si chiama trofallassi, e permette al nettare di acquisire svariati enzimi e di perdere l'acqua in eccesso. All'interno della celletta il nettare è ormai trasformato in miele, ed una volta trovato il valore di umidità giusto (circa il 17-18%), la cella viene chiusa con un tappo di cera (opercolo) costruito dalle api stesse ed immagazzinato per le necessità future. Per continuare l’attività di produzione del miele sarà necessario disporre degli ulteriori seguenti attrezzi:

forchetta e coltello

 In figura seguente (A e B) è possibile osservare il telaino con i favi pieni di miele ma non ancora opercolati (A) e opercolato (B). Per chi alleva api in arnia, questo è il momento giusto per portar via i telaini dall’alveare (B) ed estrarre il miele. Quindi una volta allontanate le api dai telaini, si potranno portare in laboratorio per la smielatura. E’ possibile allontanarle dai telaini con una spazzola apposita oppure con un semplice ramo pieno di foglie. In laboratorio poi si potrà procedere alla eliminazione dei tappi (opercoli). Questa operazione potrà essere svolta utilizzando una forchetta (C) oppure un coltello disopercolatore (D): e’ opportuno svolgere questa operazione all’interno di un contenitore (E) in modo da non disperdere pezzi di cera appiccicosi ovunque.

 A

                                                                                                                                         A

B

                                                                                                                                          B

C

                                                                                                                                              C

 D

                                                                                                                                                D

 E

                                                                                                                                             E

 F                                                                                                                                             F

 A questo punto avremo tutti i telaini da melario disopercolati (E) e pronti per essere smielati. Per svolgere questa fase è necessario dotarsi del seguente attrezzo:

 smielatore

                                                                                                                                  Smielatore

 Una volta terminata la smielatura di tutti i telaini, il miele che si trova all’interno dello smielatore, potrà essere trasferito in un contenitore d’acciaio e filtrato con gli appositi filtri (vedi figure successive). Si lascerà maturare il miele qualche giorno, il tempo necessario per far salire in superficie eventuali impurità.

Passato qualche giorno, si può procedere ad eliminare le impurità in superficie con un comune mestolo da cucina e versare nei barattoli il miele. Il miele se conservato in un luogo fresco e asciutto, distante dalla luce solare diretta, mantiene inalterate tutte le sue qualità e proprietà.
Terminato il processo di smielatura è necessario portare i telaini smielati in apiario e riposizionarli nelle arnie con il melario, così che le api possano procedere alla pulizia delle celle per riempirle nuovamente. Qualora non ci fosse un flusso abbastanza forte, è importante far ripulire i telaini sporchi di miele dalla smielatura: una volta puliti si possono conservare in laboratorio, in un luogo fresco e ben sigillato, pronti per la stagione successiva.

contenitore miele

                                                                                                                          Contenitore per miele

 filtro

                                                                                                                                  Filtro per miele

barattoli

                                                                                                                               Barattoli per miele

 

SE TI REGISTRERAI (DAL LOGIN), POTRAI SCARICARE GRATUITAMENTE QUESTA SCHEDA IN FORMATO PDF!

LE SCHEDE IN FORMATO PDF POSSONO CONTENERE PIU’ INFORMAZIONI RISPETTO LE STESSE ON-LINE

Trasformazione Prodotti

ico1

Alberi da Frutto

ico1

Piante da Orto

ico1

Gestione Suolo

ico1

Animali Domestici

ico1